Unire le intelligenze ( un amore d’altri tempi)

 

 

Nel gennaio del 1912 Leonard Woolf si accorge di essere innamorato di Virginia Stephen, che frequenta da alcuni mesi.
Le telegrafa ( con risposta pagata) preannunciandole il suo arrivo.
I due si incontrano, lui le chiede di sposarla.
Virginia non ha una risposta pronta, chiede tempo per conoscerlo meglio.
Leonard nei giorni successivi le scrive più di una lettera.
In una di queste scrive:

"Non credo di essere così egoista da non riuscire a vedere la cosa anche dal tuo punto di vista. In quanto al mio, ora sono sicuro che , a parte il fatto di essere innamorato..varrebbe la pena di correre qualsiasi rischio per sposare te."

Più sotto aggunge:

"Dio, se lo vedo, il rischio di sposare uno come me. Sono egoista, sensuale, bugiardo, crudele, e probabilmente peggio ancora.
Ho continuato a pensare che non mi sarei sposato perchè pensavo che non sarei riuscito a dominare questi istinti con una donna a me inferiore, e che sarei stato sempre più esasperato dalla sua inferiorità e sottomissione.
E’ perchè tu non lo sei che il rischio è infinitamente minore.
Può darsi che tu sia vanitosa, egoista, insincera, come tu dici, ma questo non è niente in confronto con le tue alte qualità, grandezza intelligenza spirito bellezza franchezza.
Dopo tutto ci piace stare insieme, ci piaccione le stesse cose e le stesse persone, siamo tutti e due intelligenti e soprattutto sono le cose reali che noi comprendiamo e che sono importanti per noi".

Poco tempo dopo i due si sposano e restano insieme fino al 28 marzo del 1941.
Quel giorno Virginia si riempe le tasche di sassi e si annega nel fiume Ouse non lontano da casa,  lasciando una toccante nota al marito:
"Carissimo. Sono certa che sto impazzendo di nuovo. Sono certa che non possiamo affrontare un altro di quei terribili momenti. Comincio a sentire voci e non riesco a concentrarmi. Quindi, faccio quella che mi sembra la cosa migliore da fare. Tu mi hai dato la più grande felicità possibile. Sei stato in ogni senso tutto quello che un uomo poteva essere. So che ti sto rovinando la vita. So che senza di me potresti lavorare e lo farai, lo so… Vedi non riesco neanche a scrivere degnamente queste righe… Voglio dirti che devo a te tutta la felicità della mia vita. Sei stato infinitamente paziente con me. E incredibilmente buono. Tutto mi ha abbandonata tranne la certezza della tua bontà. Non posso continuare a rovinare la tua vita. Non credo che due persone avrebbero potuto essere più felici di quanto lo siamo stati noi"

La lettura di queste poche righe, con le quali la Woolf riconosce che Leonard è stato un buon marito, mi ha fatto pensare alla proprietaria di una piccola libreria romana ( non se se ci sia ancora, ricordo che era a due passi dal Pantheon) che una sera una quindicina d’anni fa, vedendomi sfogliare un libro di Virginia Woolf, mi disse:
"Grandissima scrittrice. Ma quante gliene ha fatte passare quell’uomo egoista e crudele del marito?"

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Unire le intelligenze ( un amore d’altri tempi)

  1. Valentina ha detto:

    Qualche anno fa quando lessi le righe d\’addio della Wolf prima di suicidarsi ne rimasi profondamente toccata.
    E\’ pur vero che le vere dinamiche di un amore delle volte sono note solo alla coppia e delle volte due persone stanno così bene insieme a dispetto della visione altrui.
    Ti ringrazio infinitamente per i tuoi commenti e mi scuso se ti rispondo con grave ritardo, ma sono stata via (anche e soprattutto dal pc) e non appena rientrata qui mi hanno sommersa di riunioni e training e chi più ne ha più ne metta…
    Adesso capisco bene quando mi hai detto che nei grandi gruppi aziendali ti buttano in acqua e poi vogliono che impari a nuotare. Da un parte però sono contenta perchè se mi danno nuovi compiti è perchè contano su di me.
    In quanto ai sensi di colpa, ti dirò che sono diventati fedeli compagni di vita. Non so se questa sia la conseguenza legata ad avere una famiglia molto numerosa e molto unita, ma probabilmente è per questo.
    Come va con Celine? La settimana scorsa in riva al mare leggevo Hemingway, i 49 racconti.
    Mi piace molto il suo stile: conciso, telegrafico, stimolante. Celine è come Svevo o Eco: non oso leggerli perchè credo che mi verrebbero a noia, ma potrei anche innamorarmene perdutamente, come è successo per Garcia Marquez o la Merini (anche se parliamo di poesia).
     
    spero vada tutto bene.
    Un abbraccio e buon fine settimana
    Vale
     
    PS
    Grillo fa bene. Almeno qualcuno grida la pochezza di questi politicanti, nessuno escluso.
    E me ne rammarico.

  2. Micia ha detto:

    Non avevo ma letto le ultime righe della Woolf e mi hanno molto toccato…..E poi quello che alla fine vogliono vedere gli storici o studiosi  o i piu\’ …Poco importa…Le parole sono piene d\’amore.

  3. Mare ha detto:

    Sempre molto bello , ed interresante fermarmi da teun abbraccio e buon wk

  4. Erica ha detto:

    pensa…queste cose della virgo non le sapevo nemmeno io. e si che sono una fan

  5. Unknown ha detto:

    ogni contributo ad una delle più grandi scrittrice, ma soprattutto una delle più grandi donne, è prezioso…grazie da una innamorata…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...