Le memorie di Adriano

 
 
"Quando prendo in esame la mia vita, mi spaventa di trovarla informe.
L’esistenza degli eroi, quella che ci raccontano, è semplice: va diritta al suo scopo come una freccia.
E gli uomini, per lo più, si compiacciono di riassumere la propria esistenza in una formula- talvolta un’ostentazione, talvolta una lamentela, quasi sempre una recriminazione; la memoria compiacente compone loro un’esistenza chiara, spiegabile.
La mia vita ha contorni meno netti, la definisce con maggiore esattezza proprio quello che non sono stato".
 
(Le memorie di Adriano-  Marguerite Yourcenar)
 
Memorie di Adriano – istruzioni per l’uso.
Ci sono libri che è impossibile leggere con velocità, lasciandosi abbindolare dalla loro trama ed estraneandosi completamante da quello che ci circonda.
"L’isola del tesoro" si può leggere in questo modo: entri in un mondo lontanissimo dal tuo e vorresti rimanerci fino alla fine della storia, senza farti distrarre dalla banalità sconfortante delle vicende di tutti i giorni.
Ma per altri libri non è così.
E’ il caso de " Le memorie  di Adriano".
E’ un libro talmente profondo e ricco di stimoli da richiedere alcune accortezze. 
Non si può affrontare che a piccole dosi, perchè quasi ogni frase richiede un supplemento di riflessione personale prima di essere assimilata.
Va  letto avendo a disposizione una matita, per sottolineare i passi più importanti, per avere poi il piacere di riaprirlo casualmente e rileggerli.
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Le memorie di Adriano

  1. zibмιѕiα ha detto:

    Quasi sempre quando leggo ho con me la matita per sottolineare passi che mi colpiscono. E\’ un\’abitudine che mi è stata trasmessa da qualcuno nella mia grande famiglia. Un\’abitudine bella come poche abitudini possono esserlo.
    Ho letto memorie di adriano anni fa, andavo ancora a scuola, voglio rileggerlo perchè me lo ricordo a tratti e credo che all\’epoca mi sfuggissero parecchie cose, più di adesso. Leggendo libri si hanno sensazioni diversa a seconda dell\’età che hai, a volte scopri che un libro che hai detestato da piccolo improvvisamente ti piace rileggendolo.
    "L\’isola del tesoro" credo faccia al caso mio, adoro i libri che annullano la realtà intorno, trasportandoti fra le pagine… lo leggerò!
    Buona serata.
    Simona.
     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...