Auto e canzoni

( Ascoltando Paolo Conte)
 

C’è stato un periodo della mia vita in cui, lavorando in una grande città (Roma), ho fatto anch’io, per diversi anni, quello che ad altri tocca fare per tutta la loro vita: andare al lavoro in macchina.

 
Il percorso era di una decina di chilometri. A volte bastava mezz’ora,  più spesso tre quarti d’ora, almeno una volta a settimana un’ora e passa.

 
Il viaggio lo facevo nei primi anni con una enorme Mercedes vicinissima al pensionamento ( ma tenuta in vita, per affetto, con accanimenti terapeutici di vario genere).

 
Poi con un gippone di fabbricazione russa,  una Lada Niva che aveva ogni tanto l’abitudine di piantarmi in asso, ma che mi dava il privilegio, allora non diffusissimo, di poter guardare dall’alto in basso i miei compagni di carreggiata.

 
Per fortuna c’era Paolo Conte a farmi compagnia in questi viaggi.
 

 
 
Con il suo mondo fatto di perdenti malinconici, come l’indimenticabile padrone del Mocambo
 

Dopo le mie vicissitudini
oggi ho ripreso con il mio bar…
dopo un periodo di solitudine
il Mocambo ecco qui tutto in fior…
Ora convivo con una’austriaca,
abbiamo comprato un tinello marron
ma la sera tra noi non c’è quasi dialogo
io parlo male il tedesco, scusa, pardon,
io non parlo il tedesco, scusami, pardon
,
 
Di uomini disincantati e romantici come il protagonista di Impermeabili 

 
Serrande abbassate
pioggia sulle insegne delle notti andate
 
Di dongiovanni di provincia sornioni e seduttivi ( Come mi vuoi?)

 
Dammi un sandwich e un po’d’indecenza
e una musica turca anche lei
metti forte che riempia la stanza
d’incantesimi e spari e petardi
eh… come mi vuoi?…
 
Di  combattenti sfiancati ai quali gli applausi "son dovuti per amore" (Sparring Partner)
 

È un macaco senza storia,
dice lei di lui,
che gli manca la memoria
in fondo ai guanti bui…
ma il suo sguardo è una veranda,
tempo al tempo e lo vedrai,
che si addentra nella giungla,
no, non incontrarlo mai…
Ho guardato in fondo al gioco
tutto qui?… ma – sai –
sono un vecchio sparring partner …

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Musica. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Auto e canzoni

  1. Paola ha detto:

    Paolo Conte… un poeta della musica!
    Non solo per i suoi testi, sempre splendidi,
    non solo per la musica che li accompagna
    non solo per la sua voce ruvida ma che colpisce il cuore…
    Unico… ed indimenticabili i suoi concerti!!!
     
    Paola

  2. patrizia ha detto:

    ciao fil..
    ritorno a scrivere..
    quante belle canzoni paolo conte,nostalgico ma vero,
    gia sostituito i piatti x fortuna si son salvati i bicchieri,,
    ahaha son davvero una donna fuori di testa..
    ps li ho pagati io..
    ciao un buona giornata con un abbraccio pat!

  3. Martina ha detto:

    diciamo che prediligo di più Fabrizio De Andrè, ho anche molti vinile… ma ho sempre massimo rispetto per i poeti della musica…
    La pimpa…prendere o lasciare…lei è così…è più svitata di me!
    Ehmmm diciamo che ho quasi finito con i bagordi…
    il racconto è alla prima stesura…
    la raccolta delle foto…mmm…
    sono solo foto ricordo…nulla eclatante…
    aspetto con ansia il Superderby!
    smack

  4. patrizia ha detto:

    ciao fil..
    è va bene che sei contento del mio ritorno..
    ma vai nel mio post..ehehe
    e guarda quante volte me lo hai scritto..
    grazie amico mio..
    un abbraccio affettuoso pat!

  5. proserpina ha detto:

    E la Topolino Amaranto non te la ricordi?
    "Sulla Topolino Amaranto
     Dai siediti accanto
     Che adesso si va…"
    La mia preferita in assoluto di Paolo Conte è "Verde Milonga". Ciao Filippo e grazie tante della tua visita, a presto. 

  6. Mare ha detto:

    Via, via, vieni via di qui,niente più ti lega a questi luoghi,neanche questi fiori azzurri…via, via, neanche questo tempo grigiopieno di musiche e di uomini che ti son piaciuti,It\’s wonderful, it\’s wonderful, it\’s wonderfulgood luck my babe, it\’s wonderfulit\’s wonderful, it\’s wonderful, I dream of you…chips, chips, chips, chips, chips,da di du di du chips, chips, chips, chips, chips,da di du di du da di du di du Non trovavo che di meglio pe commentare questo tuo intervento
    con queste parole della mitica canzone di Paolo…come ben sai mi esprimo meglio con la musica
    adoro questa canzone una volta la scaricai nel ipod…una intera giornata a ripetizione ovvvero a palla
     
    Via, via, vieni via con meentra in questo amore buio,non perderti per niente al mondo…via, via, non perderti per niente al mondolo spettacolo d\’arte varia di uno innamorato di te,It\’s wonderful, it\’s wonderful, it\’s wonderfulgood luck my babe, it\’s wonderfulit\’s wonderful, it\’s wonderful, I dream of you…chips, chips, chips, chips, chips,da di du di du chips, chips, chips, chips, chips,da di du di du da di du di du
     

  7. maria ha detto:

    Una delle mie preferite è  Un aguaplano!Anzi,sài che ti dico, la posto!Mi hai ispirato!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...