le lucciole

 
 
Ricordo di fanciullezza
 
Quando più la cicala non s’ode cantare,
e le prime ombre e il silenzio  della sera ci colgono,
quasi all’improvviso, una smania prende le gambe,
e si corre sino a perdere il fiato,
nella fresca sera, paurosi e felici.
 
Questa poesia di Attilio Bertolucci mi ricorda la casa in cui ho abitato negli anni delle elementari.
Era una vecchia palazzina del demanio collocata al centro di un grande giardino, nel quale d’estate, alla sera, ci permettevano di andare a giocare anche dopo cena.
Ormai era buio e le uniche fonti di illuminazione erano le finestre della casa che si affacciavano sul grande prato e ….le lucciole, che, con grande dispiacere di Pasolini e di tutti, si sarebbero estinte del tutto solo pochi anni dopo.
 
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in annotazioni personali. Contrassegna il permalink.

10 risposte a le lucciole

  1. Mare ha detto:

    Filippo bello avere reminisce per le nostre origini , radici….
    credo che in queste piccole cose flask di ricordi sappiamo chi siamo
    in effetti ognuno di noi e\’ la somma di se stessi….
    ps idem anche a me mancavano i tuoi commenti..specie sui neo melodici
    baci  grazie

  2. Valentina ha detto:

    Io non le ho mai viste.
    Spero che il libro, nonostante la sua goticità, ti sia piaciuto.
    In spagnolo scorreva benissimo.
    Ho cominciato Loloita.
     
    Buona domenica,
    Valentina

  3. maria-giovanna ha detto:

     
    Oddio…. ecco perché non le vedevo più.
    Sai che non sapevo si fossero estinte?
    Un po\’ come le farfalline cavolaie, quelle piccole bianche che vedevo sempre svolazzare nel giardino d\’estate sul lago di Garda.
    E che ora non vedo più.
    Sigh.
     

  4. Adry ha detto:

    Che belle le lucciole che erano, quante belle cose c\’erano un tempo e che ora tutto sta svanendo!! Buonanotte…Smackk…Adriana

  5. Paola ha detto:

    Ma le lucciole non sono estinte!
    Io le vedo ogni inizio estate, certo non si avvicinano più alle case, ma nei campi e sulle colline ancora ce ne sono tantissime… spesso organizziamo un picnic serale proprio per vederle. La prossima volta se vuoi ti/vi invito 😉
     
    Un sorriso e buona settimana…
     
    Paola

  6. Mare ha detto:

    Primule , gerani…sono esseri viventi mai trascurali
    basta trattarli con amore , sai loro nascono germogliano e trascurali giammaiii
    hanno bisogno d\’amore come del tutti del resto, ho una passione per i gerani
    piante difficili , lo so come del resto
    sono io ma ci metto tanto amore  pazienza e passione
    e loro mi danno soddisfazione , non sai che emozione quando , germogliano e\’ tutto uno
    spettacolo per gli  occhi e il cuore…
    ps sono cosi rigogliosi perche ascoltano d\’alessio hahahahaha
    e si  vedi il risultato te lo consiglio per le primule
    cia ciao

  7. maria-giovanna ha detto:

     
    Allora, se l\’ha detto Paola, ci credo.
    Magari mi aggrego al picnic serale.
    Sarebbe una bella rimpatriata di lucciole.
    Amarcord…
     

  8. tosca ha detto:

    non dimenticare mai le tue piantine…..sono molto preziose!
    smack!

  9. Claudia ha detto:

    Ciao Fil,
    scusami tanto anche tu per la mia assenza.
    Un po\’ di problemi personali ed ora anche con il PC.
    Il portatile con il quale ho "sopravvissuto" finora
    è deceduto, credo
    e il PC nuovo è tutto da configurare ancora,
    Cosicchè mi trovo a non aver accesso nè su messenger nè sulla posta
    e anche con la connessione non va affatto bene.
    Oggi ho deciso di attaccare il modem sul nuovo
    ma ogni due minuti mi salta la connessione.
    🙂 Insomma… già avevo poca voglia di girare… ora cerco di fare quel che posso.
     
    No, il mio nuovo post non è un continuazione del precedente,
    è solo un malessere che ho voluto denunciare, con la speranza che serva ad esorcizzarlo.
    passerà 😉
     
    Ti abbraccio forte,
    spero di risolvere in fretta,
    forse sabato prox riesce a venire mio cognato per darmi una mano.
    🙂 Ciao e grazie di essere sempre presente…nonostante la mia latitanza.
    Baciotti.

  10. Martina ha detto:

    con questo post hai portato un piccolo ricordo…
    in una strada a milano…con poche piccole collinette di terra…
    un passaggio chiuso alle auto…(ora una strada asfaltata e superparcheggiata)…
    pochi alberi…
    il mio primo amore (paesanotto in quanto arrivava da 10km neppure di distanza da milano)
    ad un certo punto sale sulle collinette di terra e verde….torna con le mani a coppa e mi fa
    osservare dentro….che emozione: vedere quei piccoli esserini luccicanti ….poi l abbiamo
    liberati subilo!
    ciauz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...