La bella calligrafia ( cara Maestra)

(Un post di Rosangela , riguardante la calligrafia, mi ha fatto venire in mente la mia maestra delle elementari).
Era la fine degli anni 50 e la nostra vecchia maestra era vicinissima alla pensione.
Ci teneva moltissimo alla calligrafia e ci costringeva ad adoperare il pennino ad inchiostro.
Allora avevamo i calamai incorporati nel banco e il bidello passava con un bottiglione di inchiostro nero ed un imbuto per "rabboccare" il livello del liquido ( v.foto)
Poi, allo scadere della quarta elementare, la vecchia insegnante ( aveva "solo" 65 anni, ma  a noi sembrava quasi centenaria) andò in pensione e il giovane maestro di quinta, senza fare una piega, ci disse che potevamo tranquillamente usare le biro.
E sì che la vecchia insegnante ci diceva sempre che la biro ci avrebbe rovinato la calligrafia! ( parola di suo marito, che se ne intendeva, essendo professore di calligrafia presso un istituto commerciale !).
La cosa mi sembrò sconvolgente.
Per alcuni secondi.
Poi il mio compagno di banco  disse : "Era ora! Non ne potevo più di quei maledetti pennini!!!"
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in annotazioni personali. Contrassegna il permalink.

14 risposte a La bella calligrafia ( cara Maestra)

  1. Mare ha detto:

    Ora capisco i danni che fanno le maestre………
    hahahahaha
    bacioni

  2. Mare ha detto:

    Ora capisco i danni che fanno le maestre………
    hahahahaha
    bacioni

  3. Mare ha detto:

    Maronna ha fatto danni piu del previsto
    hahahaha Fil….ironizzavo  daiii hai difeso a spada tratta il tuo amico…..
    bacioni

  4. ღ♥ francesca ha detto:

    Ciao  sono qui per augurarti amore infinito.
    Che domani  sia una giornata tenera…di amore, e solo amore
    Buon San valentino!
    Un fiore, un sorriso, un bacio

  5. mariangela ha detto:

    Devi essere vecchiotto…io ho usato da sempre le biro he he he
    Scherzo dai….forse la mia maestra era + all\’avanguardia!!!
    Però….io non mi son mai seduta nemmeno in quei banchi di legno con "buco"…
    …ma a che scuola sono andata?????
    Trooooooppo all\’avanguardia heheheh
    Ti auguro una bella giornata…
    …e tu ci credi a sto san Valentino?
    Naaaaaaaaaaaaaaaaaa…..
    ciaociaociaociaociao
    Mariangela…..:-)))

  6. patrizia ha detto:

    ciao no fil non è mio figlio..!
    è un amico di chatt ma, davvero speciale x lui son zia pat..
    un bacio pat!!

  7. patrizia ha detto:

    ancora non ho capito quanti anni hai..
    ehhhe io mi ricordo da sempre la biro..
    boooo
    devo chiedere a mamma come si scriveva quando ero piccola..
    ciao fil!

  8. Mare ha detto:

    Buon S valentino
    orso

  9. Daniela ha detto:

    Ci vuole un anno e ci vuole un giornoconfidare nel silenzioe nella
    condizione umanabadare alla casae alla pioggia di straventocome un
    uomo vestito da uomo fa
    È il giornale dei tempiun bacio distrattola sola curaper chi ha
    origliato l\’amorechi ha conosciuto tutte le bracciae tutte le ha
    perdutee tutte le ha perdutee tutte le ha perdute
    Strofinando un pianofortesi incontra il mondo dei vincitori, sìdei
    miei ricordi sarai l\’ultimo a svanireperché ho sete e fameè sempre stato
    così
    In fondo è tutto nei vestiti alla modae sulle labbra dell\’avvenirein
    fondo è tutto lì

  10. mariangela ha detto:

    …he he he..
    scusa per il vecchiotto….
    era un modo di dire….
    massichel\’haicapito ..e già..
    Buon pranzo Fil…
    Mariangela…………:)

  11. patrizia ha detto:

    ciao no no son giusti zio fil..
    in due ne facciamo 106
    naggia che giovani che siamo
    bacio zia pat!!

  12. emma ha detto:

    ….già…succede proprio così…..con tutto….
    ma non penso che sia sbagliato….
    la vita procede più velocemente di noi…..
    un\’abbraccio
    emma

  13. Valentina ha detto:

    Ciao Filippo,
    mille grazie per gli auguri.
    A dire il vero, non so se il libro di Carmen Laforet sia stato Tradotto. A me l\’hanno prestato e lo sto leggendo in spagnolo.
    Se esiste la traduzione, dovrebbe intitolarsi "Niente" o "Nulla" (NADA), a meno che il traduttore o la traduttrice abbiano optato per altre scelte.
    Mi mancano una trentina di pagine.
    Poi mi aspetta Calvino con "Se una notte d\’inverno un viaggiatore"; l\’hai letto?
     

  14. Paola ha detto:

    Ricordi condivisi… anche se la mia maestra era un po\’ più giovane e tollerante.
    Ma i primi due anni delle elementari sono stati pennino e calamaio anche per me!
    E se facevamo una macchia, oppure una piega nella pagina
    si ricominciava da capo!
     
    Paola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...