come si sceglie una moglie

 Casa natale di Svevo

Nel romanzo "La coscienza di Zeno", il protagonista, innamorato di Ada Malfenti, si dichiara a lei con grande goffaggine durante un ricevimento.
Respinto, quella sera stessa, fa la una proposta di matrimonio ad Alberta, sorella di Ada, giovanissima studentessa delle superiori, ricevendo ancora una volta un rifiuto.

Pochi istanti dopo, imbattendosi in un corridoio in Augusta, la maggiore e la meno avvenente delle sorelle, viene finalmente accettato.
Pur consapevole di essere la terza scelta, come l’ineffabile Zeno si affretta a confessarle, Augusta prende in mano la situazione e dice:
"Voi, Zeno, avete bisogno di una donna che voglia vivere con voi e che vi assista. Io voglio essere quella donna".
E con questa frase, più adatta ad una  una badante che espone le sue credenziali che a una donna innamorata, si chiude la ricerca di una sposa per Zeno

Perchè si sceglie una donna piuttosto che un’altra?
Svevo dà una risposta sgangherata e brutale, all’apparenza.
PER ESCLUSIONE, sembra dire.
Oppure perchè ( e sembra ancora più brutale) c’è sempre un uomo indeciso a tutto e una donna decisa a prenderselo.
Ma ci dimentichiamo la psicanalisi e il potere dell’inconscio ( non li dimentica certo, invece, Svevo, che fu uno dei primi cultori di Freud) .
Nulla accade per caso, dice Freud:  anche ciò che appare frutto di un lapsus, di un allentamento emotivo delle nostre difese, è in reatà fortemente voluto.
Se si legge il romanzo fino alla fine si scopre, infatti, che quel matrimonio fu felicissimo e che Zeno sceglie Augusta perchè, a livello inconscio,  pensa che è  l’unica donna con la quale potrà essere felice.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a come si sceglie una moglie

  1. antonella ha detto:

    allora ti dico cosa ho fatto…Ieri mattina son tornata al supermercato e ho ricomprato quello che avevamo lasciato…anzi… ho comprato cose in più per………..lui e i suoi hobby…si, lo sò….son matta……..In conpenso ho scoperto perchè si è incavolato per il cartone del latte…Comprandoloio lì……lui ora non ha la scusa per andare in un altro supermercato dove ci sono altre offerte di attrezzi per hobbysta…Così, senza volerlo, ma azzeccandoci ( come al solito…no??? hahahhaha) ho preso 2 piccioni con una fava… opsssss latteciao filkisssssss

  2. Valentina ha detto:

    La mia prof di "Traduccion Literaria" è la traduttice della Coscienza in spagnolo (non mi ricordo per quale casa editrice) e ama Svevo.
    Io ho provato a leggere "SENILITA", ma non sono riuscita nel mio intento. Sono parecchi i libri che ho lasciato unfinished – quanto mi piace questa parola –
    A quanto pare ci sono vari messaggi che mi spingono a leggere la Coscienza!
     
    Grazie per il commento sul mio viso…
     
    Riguardo Ammanniti, ho letto "Io non ho paura", prima che uscisse il film.
    Lo regalai 4 anni or sono per il compleanno di mio padre, che era giusto ieri.
    Devo dire che mi è piaciuto molto e che Salvatores, mi pare, si sia attenuto molto al libro.
     
    De Carlo, croce e delizia…
    C\’è stato un periodo, dopo la maturità, che ho letto solo lui: Due di due, Di noi Tre, Treno di panna e Macno.
    Poi, non so perchè, mi sono stancata e, nonostante stia sfornando libri, non l\’ho più letto…
     
    In ogni caso, devo finire VANITY Fair…sono 670 pagine e non ce la faccio più!
    Mi sono fatta prestare dal moroso "El senor de las moscas"…e sono ansiosa…
    Poi passo da una libreria internazionale che si trova ad Alonso Martinez (il centro che più centro non si può di Madrid) vedo se posso trovare qualcosa che mi hai consigliato.
     
    io lo devo ancora leggere (per ora è a casa del fratello del moroso), ma molti mi hanno consigliato "LA SOMBRA DEL VIENTO" di Carlos Ruiz Zafon, tradotto in italiano (L\’ombra del vento). Magari ci fai un pensierino…
     
    Buona giornata!
     

  3. Paola ha detto:

    Sarebbe interessante scoprire perchè il suo inconscio lo abbia spinto a subire due rifiuti prima di approdare, apparentemente casualmente, alla donna giusta…
     
    Un sorriso…
     
    Paola

  4. Mare ha detto:

    Ma guarda un po….
    manco un po e il nostro Filippo..naaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
    una moglie si sceglie , perche oltre a fare la badante, e la  cuoca…..
    porta anche lo stipendio se lavora wowwwwwwwwwww
    ecco perche \’ adoro gli uomini
    sono cosi altruisti hahahahahaha
    bacioni
    filosofo del cuore
    vabbe daiii smackkkk
    oggi sono magnanima

  5. antonella ha detto:

    sigh fil…i soldi spesi ieri erano i miei…..quelli per le tele….sigh sigh sigh…quindi son io che fò le rinunce ( al solito…)il mio portafoglio…è minimo… mica è come il suo…uffi!

  6. patrizia ha detto:

    e come sempre riesci a farmi sorridere..
    hehhe chissa come mai ci si sceglie..
    io credo in una sorta di alchimia
    che sia o no amore…cè una sorta di
    compensazione che in nessun altro
    puoi trovare..
    ciao un abbraccio pat!
    grazie x le parole che usi con me riescono a non frami dal fare cavolate…!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...