TELA ORDINARIA GRANULOSA GIALLA

"Caro Theo,
                 se acquistiamo un’intera pezza di tela ordinaria, eccoti il prezzo che ho appena saputo per caso: un intero pezzo di 10metri per due di tela ordinaria granulosa gialla 40 franchi"
 
 
E’ l’inizio di una lettera scritta ad Arles nel luglio del 1888 da Vincent Van Gogh al fratello Theo.
 
E’ la frase che mi ha colpito di più in tutto l’epistolario.
 
Vengono le vertigini oggi, a 130 anni di distanza, se si pensa a quanto potrebbero valere, oggi, quei 20 metri quadri di tela, che allora costavano 40 franchi.
Proviamo a ipotizzare che da un pezzo di tela del genere Van Gogh ricavasse una ventina di quadri.
Immaginiamo una media di 20 milioni ( di euro !) l’uno ( so che alcuni Van Gogh hanno sfiorato o superato i cento milioni, ma voglio tenermi prudente).

 
Insomma quei 20 metri quadri di tela che costavano quaranta franchi si sono traformati in qualcosa come 400 milioni di euro!
 
Ma il discorso economico da cui ho preso lo spunto è marginale, mi piace citarlo perchè è commovente pensare a questo gigante della pittura in imbarazzo con il fratello che lo finanzia e pronto a suggerire ogni soluzione atta a pesare il meno possibile sulle sue spalle e quindi lesto a segnalare la possibilità di acquistare all’ingrosso ( con un risparmio che più avanti nella lettera quantifica nel 33%) il materiale per dipingere.
 
Una mattina d’estate di qualche anno sono andato a visitare il Museo di Amsterdam che contiene la più vasta collezione al mondo di Van Gogh.
Era mattina presto, c’erano pochi visitatori, e così ho potuto fermarmi davanti ad ognuno di quei quadri per tutto il tempo che ho voluto.
Non sono un critico d’arte e credo che fare delle classifiche tra artisti sia un esercizio sterile e puerile.
Quello che so è che mai, pur avendo visitato molti musei e visto molte opere di grandi artisti, mai ho provato un’emozione così intensa come quella che trasmettono le opere di Van Gogh.
E’ come se  arrivasse fino a noi, a più di un secolo di distanza, la sua passione incredibile e divorante per la pittura.
 
Quella che lo faceva dipingere quasi in uno stato di parossismo, fino a temere, come scrive in quella stessa lettera del luglio 1888, di apparire un pittore "frettoloso".
 
 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

9 risposte a TELA ORDINARIA GRANULOSA GIALLA

  1. antonella ha detto:

    Non può essere……….pure lo stesso sentimento uguale verso Van Gogh??????????
    Aspio!
    Io lo adoro, mi perdo a guardare ogni singola sua pennellata…….mi incanto, mi commuovo….
    Però strano tu oggi parli di tele , e io ho perso la mattinata a cercar tele economiche in rete e per negozi….strana la vita…
    Io penso e cerco, e tu scrivi….. azzzzzzzzzz……….
    Kiss, besos, bacioni Antonella

  2. mary ha detto:

    le sue opere hanno sempre affascinato anche me, questo tuo intervento è molto interessante, ciao buona serata:-)

  3. antonella ha detto:

    io aspetto comunque, anche se…
    capito…??????
    poi eventualmente ti dò un sito che ti può aiutare ( nel senso dell\’ispirazione…)

  4. Mare ha detto:

    Che uomo poliedrico che sei
    complimenti e buona notte

  5. . ha detto:

    uhe\’ sei pronto??
    venerdì notte attenzione!
    specialmente….  alle befane che arrivano dalla toscana!
    CARBONE A TONNELLATE!
    sciao 🙂
    (bellissimo il post…)
     

  6. Giunone ha detto:

    ma!!!, filcusum sei unico…
    Abbracci.

  7. antonella ha detto:

    hei…prova a curiosare nel blog, poi vai negli albummnn ultimi e centrit……ihihihihihiti stimolo..ad abbandonare le brioche seduto al tavolino…kiss besos Antonella

  8. Giunone ha detto:

    Buon Giorno Fil… Grazie in nome di Alberto…
    Qua puoi vedere una Intervista que una amica le a fatto a queste pittore in spagnolo e italiano. http://arelysagostinispain.spaces.live.com/
    A Presto

  9. Valentina ha detto:

    ciao Filippo,
    grazie per il consiglio sui libri.
    il fatto è che domani riparto per Madrid e non so fino a che punto posso compare qualcosa da leggere.
    In ogni caso, in centro ci sono un paio di librerie dove vendono libri italiani, solo che costano qualcosina in più.
    OLIVE COMPRESE l\’ho visto l\’altro giorno e mi ha colpito il titolo. Che coincidenza.
    Buona giornata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...